Tu sei qui

 

Ricorso riconoscimento Carta Docenti personale precario scuola

Il Consiglio di Stato con una recente sentenza (n.1842/2022) ha stabilito che il personale precario della scuola ha diritto alla “Carta Docente”, ovvero al beneficio economico di 500 euro a supporto della formazione e l’aggiornamento di cui già fruiscono i docenti di ruolo.

Trova conferma quanto da sempre denunciato e sostenuto dalla FLC CGIL anche nelle aule giudiziarie, ma che solo adesso il Consiglio di Stato ha finalmente affermato, e cioè che non ci può essere discriminazione di trattamento tra personale precario e di ruolo.

La FLC CGIL ha avviato una campagna vertenziale al fine di far riconoscere quanto dovuto ai docenti con contratto a tempo determinato che si sono visti negare ingiustamente in tutti questi anni la “Carta Docente”.

Possono aderire le/i docenti che dall'istituzione della “Carta Docente” (a.s. 2015/2016) ad oggi (a.s. 2021/2022) hanno svolto almeno uno o più incarichi annuali a tempo determinato.

Invitiamo gli interessati ad inviare immediatamente la diffida (che trovate in fondo a questa pagina), per interruzione dei termini e messa in mora - da inviare per raccomandata al Ministero Viale di Trastevere, 76/A, 00153 Roma RM, oppure tramite pec a uffgabinetto@postacert.istruzione.it - e a compilare il seguente form: https://forms.gle/BWkMEyxoCU6Vrw2y8 per registrare la propria manifestazione d'interesse, quindi senza impegno al ricorso.

Sarà nostra cura contattare nelle prossime settimane chi avrà compilato il form, per fornire tutte le informazioni utili e necessarie relative a valutare l'adesione vera e propria alla vertenza e il suo avvio.

Il ricorso sarà riservato agli iscritti alla FLC CGIL o a chi intende iscriversi.

 

ATTENZIONE: questo articolo e il link sono rivolti a chi presta servizio negli istituti della provincia di Bologna.

Comparto:

Allegati: 
AllegatoDimensione
Microsoft Office document icon diffida-carta-docenti.doc17.5 KB